Idee per arredare balconcini di pochi metri

Nell’architettura moderna che privilegia i grandi spazi, i giardini decorati e abitabili, gli attici e super-attici trasformati in loft o open space anche il balconcino di pochi metri ha la sua importanza sociale e abitativa.

Lo spazio piccolo ha pregi e difetti, partendo da questi ultimi il terrazzino permette pochi movimenti, la presenza di pochi oggetti e arredamenti di dimensioni contenuti. Invece, elencando i pregi si può valorizzare la sua dimensione contenuta e non dispersiva per creare un’area di relax per una o due persone. Se il terrazzino è parte di un salone o un appartamento di piccole dimensioni, come accade nelle case degli studenti, si può pensare ad una zona bar dove organizzare aperitivi, pomeriggi da tè e tisane, vale anche se è parte esterna di una cucina come accade nei palazzi cittadini. Di cosa abbiamo bisogno per arredare un balconcino di pochi metri? Sicuramente di idee e spunti, poi di arredi facili da inserire, vasi per piante se vogliamo rendere lo spazio green, reti e recinzioni per la sicurezza di bambini e animali domestici, potete scegliere e visualizzare diversi modelli su Esconti.

Trasformare il balconcino in una zona relax

I balconcini di pochi metri non permettono molto movimento e la possibilità di mettere troppe cose e arredi di grandi dimensioni, eppure quel poco spazio che ha può essere sufficiente per creare una zona relax. Potete optare per queste soluzioni: un tavolino e delle sedie con poche piante attorno oppure inserite nelle pareti verdi o giardini verticali.

Se il balconcino riceve molto sole e le giuste correnti d’aria per rimanere freddo, potete sfruttare sdraio o sedie estive per trasformare il balcono in un mini solarium o zona di benessere. Nei prossimi paragrafi parleremo delle panche realizzate con pallet o legno riciclato per realizzare posti a sedere fino a due o tre persone a seconda della grandezza del balcone.

Infine, con un parquet, dei pouf e dei tavolini di piccolissimo spessore potete creare un ambiente tra l’esotico e l’alternativo per rilassarsi, stendere i piedi, leggere una rivista, gustare una tisana all’aperto.

Balconcino per leggere, studiare e scrivere

Una delle idee più diffuse per sfruttare balconcini di pochi metri è quella di trasformarlo in zona magazzino per scope, secchi e utensili da lavoro utili per la casa o il bricolage. Si usano dei mobili resistenti all’acqua, al calore e all’umidità. Quest’ultimo criterio si può usare per altri scopi, ad esempio per creare una libreria o un porta riviste e trasformare il balconcino in una zona lettura o studiolo.

Libri e riviste devono essere protetti sia dall’acqua che da sole, potete costruire una libreria vicino alla finestra ma se il balconcino è protetto dall’acqua e da correnti troppo forti potete sfruttare anche mensole chiudibili e mini mobili in plastica o plexiglass. Sedie, tavolini e piante saranno importanti a seconda dello spazio da usare. Al posto delle sedie potete usare dei pouf semirigidi e impermeabili con tavolini da esterno.

Balconcino conviviale e da aperitivo con cuscini, pouf e pallet

L’ultima soluzione è quella che va più di moda adesso, i balconcini grazie al riciclo creativo può essere trasformato in una zona conviviale dove poter organizzare aperitivi, pomeriggi da tè e tisane, cene e rinfreschi.

Niente sedie e tavoli, o meglio si possono creare dei punti di appoggio originali ricavati dal piccoli mobili destinati ad uso bar, mensole o assi di legno ben installati per appoggiare vivande, posate, tovaglioli, bottiglie varie.

L’arredamento da giardino e da terrazzi permette oggi molte soluzioni che possono aiutare i proprietari di piccoli terrazzi e balconi. In genere, il perimetro esterno formato dalle inferriate può essere sfruttato per inserire panche o pallet insieme a cuscini e cuscinoni per appoggiare la schiena. Se lo spazio permette, potete aggiungere un tavolino con una o più piante.